Crema di Giochi 2014

Cinquantacinque minuti di navigatore. Puliti. Ecco quanto ho impiegato per raggiungere Crema, una cittadina che per quel poco che ho visto sembrerebbe interessante anche a livello artistico. Ci tornerei volentieri per farci qualche foto. Oggi ero lì per un altro motivo, comunque: supportare Acchiappasogni e soprattutto giocare, parlare, menare botte con Musha Shugyo. Questo ovviamente non mi ha impedito di girovagare fra gli stand di altri giochi.

Il posto, un insieme di due locali più soppalchetto nella Piazzetta Winifred Terni De’ Gregory accanto al Museo Civico di Crema, era piuttosto ristretto ma confortevole. Spesso, i grandi saloni producono troppa dispersione. Fatto sta che ancora alle 12.00 giravano solo addetti ai lavori, creatori di giochi e 5-10 giocatori veri, lì solo per vedere e toccare dadi con mano.

Lo stand di Acchiappasogni era in fondo (parolone) al secondo salone, accanto a quello di Fate tradotto dal buon Nicola Urbinati che, gaudium magnum, era presente alla manifestazione! Ho potuto stringergli la mano e leggere il mio nome sul Manuale Base, ma non ho potuto acquisire copia cartacea causa, a quanto si è capito, di una impossibilità di vendita da parte degli stand. Di fatto, moltissimi espositori erano praticamente associazioni ludiche, tra cui Fantastika, Cristallo di AlephTorre d’AvorioTerre Ludiche e alcune altre di cui non ho, ahimé, memoria. Verso le 13.00 sono arrivati i ragazzi di Urban Heroes, con cui purtroppo non ho avuto piacere di parlare, ma si potrà sicuramente risolvere in futuro.

Purtroppo, l’esiguità dello spazio dei vari stand impediva un corretto svolgimento di più di una attività e mezzo. Molti si sono trasferiti in appositi spazi, separati dagli stand, per provare i giochi di ruolo presenti nella fiera. Questo però ha creato una sorta di separazione: da un lato i giocatori, dall’altro gli standisti che, giocoforza, dovevano rimanere almeno in parte a custodia del tavolo.

Nonostante questo, il pomeriggio è passato tranquillo: moltissime botte da orbi al tavolo di Acchiappasogni, qualche sbav doveroso sulle meravigliose art di ESPer Force 5012 e ulteriori visite. Tra le tante cose viste in concreto ci sono state, degne di nota, la possibilità di leggiucchiare Evolution Pulse, espansione italica per FATE (di cui ho guadagnato 4 schede base, veramente ben confezionate), veder giocare più nel dettaglio Warage nella sua versione gioco di carte e dare una svista ai due giochi partecipanti del G2P di Creatori di Sogni: Pancakes e Circle Divine, quest’ultimo vincitore del concorso 2014.

In conclusione ringrazio tantissimo i miei compagni di ventura Davide, Elia, MattiaFrancesca e spero di ripetere in futuro questa esperienza, magari su tavoli più grandi e con possibilità di sperperare investire più soldi in gdr.

Come se non ne avessi già abbastanza…

Rispondi