Report: TorreCon 2016

Bentornati su Storie di Ruolo! Oggi faremo una pausa dalla rubrica dei MapTutorial di Alessandro Favarotto per un breve report del TorreCon 2016 a cui ho partecipato ieri con Elia di Acchiappasogni per playtestare e far conoscere meglio Destino Oscuro 2, attraverso le nostre ambientazioni Le Notti di Nibirù e Spiriti del Crepuscolo. Già che c’eravamo ci siamo portati dietro un po’ di “baracca” e già alle 10.00 avevamo pronto il nostro stand al primo piano del Palazzo Cigola Martinioni.

13346559_2009745585917942_2859615629717660750_n
Elia standista provetto.
Foto by Torrecon FB
L’alley dove eravamo – Foto by Torrecon FB

Come mi faceva notare l’amico Francesco, nostro dirimpettaio con lo stand di Snealand, il Palazzo è magnifico e adattissimo ad ospitare eventi LARP come live di Vampiri; purtroppo sembra un po’ cozzare con la logistica degli stand, specie per quelle giornate in cui la pioggia costringe ahimé tutti a stare all’interno.

Infatti, a dispetto della pregressa organizzazione in esterna, un tempo incerto e un effettivo acquazzone pomeridiano hanno giustamente fatto propendere per posizionare venditori ed espositori di giochi al primo piano del palazzo. Sebbene questa risoluzione abbia permesso di procedere comunque con la fiera, mi è impossibile nascondere quanto fossimo sacrificati in quella posizione e forse bisognava strutturare diversamente l’interno (anche a costo di un po’ di gioco a tetris con i tavoli).

Si è provato a fare tappa fuori, nel cortile, per playtestare. Tuttavia l’affluenza era comunque molto bassa nel mattino, nel pomeriggio l’acquazzone ha reso impraticabile l’esterno per un’oretta ed essendo in due allo stand ci era un po’ impossibile stare in due luoghi differenti: meglio cercare giocatori all’interno e poi spostarsi fuori.

TorreCon

L’altra problematica della fiera è un pubblico in parte sbagliato per il gioco di ruolo. L’organizzazione del Torrecon si è data da fare nelle giornate precedenti alla fiera e ha partecipato a diversi programmi radiofonici della zona e rilasciato interviste a chi poteva. Tuttavia, c’era un pubblico troppo giovane non solo per noi editori, ma anche per molti venditori di giochi in scatola e giochi di ruolo: manco a dirlo lo stand più gettonato era quello della Lego, organizzato dai Cremona Bricks.

Alla nostra sinistra ha avuto comunque un’ottima idea, frutto senza dubbio dell’esperienza pluridecennale, Roberto Grassi che si è proposto ovviamente con Levity, ma soprattutto con micro giochi di narrazione da una pagina ideali per famiglie e bambini e, tra l’altro, molto affascinanti (ho assistito praticamente a quasi tutte le sue dimostrazioni).

Alla fine noi di Acchiappasogni siamo tornati a casa con un magro bottino di zero giocate. Che è emblematico per una festa del gioco. Gli altri stand hanno portato a casa qualche vendita e alcune giocate, ma siamo all’ordine del “paio” o poco più.Da quanto mi ha detto Daniele Di Rubbo, anche gli scorsi anni la situazione era identica e forse gli editori e produttori di gdr partecipano un po’ per far comunella, un po’ per farsi conoscere anche da casual gamers. Strano però che con ormai sei edizioni* alle spalle l’organizzazione non si sia svegliata un poco, almeno mettendo associazioni ludiche e gdr accanto in modo da sfruttare gli stessi tavoli per giocare – forse la pioggia ha rovinato quest’anno il programma, quindi aspetterò l’anno prossimo per aver conferme.

E ora andiamo velocemente ai pro e contro!

Pro

Sicuramente rientrano in questo ambito le chiacchierate con Francesco e il suo compare (non ci siamo presentati, argh!) di Snealand che erano nostri dirimpettai e con l’altro nostro vicino, uno standista senza nome che ha portato in fiera la traduzione italiana di Project Z e molte miniature e manuali: un saluto!

Altro pro era il workshop di Spartaco Abelli, a cui sono giunto in ritardo: ho ascoltato solo un poco della presentazione, ma valeva la pena partecipare. Ottima idea degli organizzatori!

Ultimo pro va a tutti gli altri standisti della nostra alley: Nicola di Dreamlord Press, Alberto di Black Box Games, Francesco Zani e il suo Diktat, Matteo e Alessandro di Urban Heroes, i già citati Daniele di Rubbo e Roberto Grassi, Enrico Pasi (mi ricordavo!), i ragazzi di Idee Noomac, il sempre pronto a parlare di GdR Michele Zanni e Marta di Terre Ludiche. Ci si vede tutti quanti alla prossima fiera!

La location I. Ottima la cornice del Palazzo Cigola Martinioni ed effettivamente non troppo distante a livello di tempo da Milano, Brescia, Cremona e altre località del nord Italia…

Contro

IL TEMPO ATMOSFERICO. Prima caldo afoso, poi freddo, poi pioggia, poi solleone. Non se ne poteva più!

L’organizzazione, anche se non è proprio un contro, ma un invito a pensarla meglio: ipotizzate fin da subito un piano interno anti-maltempo che sia però congeniale alle esigenze di chi viene in fiera. Ne va sia dell’esperienza del pubblico che degli standisti.

La location II. …ma più adatta ad eventi di gdr live che a fiere! Capisco rimanere ancorati alla presenza di una torre per via del nome, ma a questo punto meglio spostarsi o verso Brescia o verso Cremona dove la fiera sia più raggiungibile e frequentabile.

Il pubblico. Un po’ troppo family e con poche persone realmente interessate ai giochi di ruolo. Sebbene qualcuno si sia fermato agli stand di Urban Heroes e di Idee Noomac, generalmente molto sottotono rispetto ad altre fiere – anche considerando la percentuale di visitatori che, a detta degli organizzatori, ha sfiorato i 1000 ingressi.

*Edizioni del Torrecon. Prima che mi si dica “eh ma gli altri anni il Torrecon era altrove“, vi faccio notare che il cambio di location non è stato drastico: prima si era al di qua dell’autostrada a Verolanuova, ora al di là a Cigole, come potete notare dall’immagine.

124234Capture

Rispondi